/

Gravina “Nel calcio serve una vera rivoluzione culturale”

ROMA (ITALPRESS) – “Le cose da fare sono tante ma il minimo comun denominatore deve essere un progetto che implichi una vera rivoluzione culturale. Serve un diverso approccio nell’affrontare le criticità per ottenere la necessaria credibilità nell’ambito del sistema politico ed economico”. Così, dalle colonne de “La Gazzetta dello Sport”, il presidente della Figc, Gabriele Gravina, a proposito del sistema calcio in Italia.
“Per anni e anni la percezione esterna del governo del calcio, delle sue componenti e dei suoi massimi dirigenti è stata quella di un mondo dove abbondano parole, parole, parole e pochi fatti: è il momento di dimostrare di saper fare davvero sul serio. Questa voglia di cambiamento non è solo personale ma una necessità impellente per rendere il sistema calcio sostenibile, moderno, attrattivo e competitivo”, ha aggiunto il numero uno della Federcalcio.
“Sembra un progetto condivisibile da tutti? Invece rappresenta, purtroppo, uno dei maggiori motivi di contrasto tra la Figc e quei presidenti di club che hanno una visione conservativa, perchè temono di vedere ridotto il peso del proprio ruolo e i propri interessi economici. Dobbiamo debellare questi dannosi micro centri di potere che bloccano il calcio italiano”, ha continuato Gravina.
“Siamo impegnati in un’opera di evoluzione positiva del sistema e non intendiamo fermarci davanti a niente e nessuno. Il punto di partenza è prendere coscienza del forte indebitamento e intervenire: non più in modo estemporaneo per risolvere singoli problemi, magari trovando le solite scorciatoie, ma in modo ampio, profondo, sistemico e strutturale. Quando piccole sfumature, come quelle sull’indice di liquidità, portano a così forti forme di contrasto, si capisce chiaramente che non c’è voglia di cambiare”, ha concluso il presidente della Figc.
– foto LivePhotoSport –
(ITALPRESS).