spot_img

/

Allegri “Col Napoli gara importante ma non decisiva”

TORINO (ITALPRESS) – “Il Napoli è la squadra più forte del campionato, lo dice la classifica. Noi dobbiamo avere la voglia e l’entusiasmo di giocare questa partita”. E’ questo quello che Massimiliano Allegri chiede alla sua Juventus alla vigilia della sfida del Maradona. “A Napoli le partite non finiscono mai, sono sempre complicate, difficili, e affrontiamo una squadra molto forte tecnicamente e ben organizzata e ben allenata – avverte il tecnico bianconero – Sarà una bellissima serata di sport e di calcio in uno stadio stracolmo per una partita che però non sarà decisiva ai fini del campionato. Non è un crash test per noi ma una partita all’interno di un campionato fra due squadre che vengono da risultati importanti. Il Napoli può girare a 50 punti per cui è una partita non decisiva ma molto importante, più importante per loro che per noi”. Se però i bianconeri dovessero vincere, si porterebbero a -4. “Due mesi fa nessuno credeva che la Juve arrivasse a questa partita in queste condizioni ma dobbiamo mantenere un profilo basso – ribatte Allegri – Nel calcio quello che fai il giorno dopo non conta più e noi dobbiamo pensare a lavorare e continuare questo percorso di crescita come squadra, perchè bisogna migliorare tante cose, e arrivare all’obiettivo finale che per la Juve è arrivare almeno fra le prime 4”. Belle parole per Spalletti: “E’ il migliore ad allenare e insegnare, lo sta dimostrando anche a Napoli. Io faccio questo mestiere per sbaglio, Luciano è molto bravo”. Per quanto riguarda l’infermeria, nessuno degli infortunati recupera per domani ma “i rientri dovrebbero essere imminenti. Credo già che con l’Atalanta qualcuno potrebbe essere a disposizione, Cuadrado da martedì dovrebbe essere con la squadra e quindi esserci giò col Monza in Coppa Italia. Gli altri stanno decisamente meglio e siamo fiduciosi”. Infine un pensiero ad Andrea Agnelli, per il quale domani sarà l’ultima gara da presidente: “I risultati parlano per lui, lo ringrazio per avermi permesso di lavorare per la Juve e con lui”.
– foto LivePhotoSport –
(ITALPRESS).