Articoli ItalpressFondimpresa, a Padova la formazione continua fa rima con sostenibilità

Fondimpresa, a Padova la formazione continua fa rima con sostenibilità

ROMA (ITALPRESS) – Apprendere come utilizzare i nuovi impianti produttivi con uno sguardo attento alla tematica della sostenibilità. Sono i temi che hanno caratterizzato il corso di formazione continua per i lavoratori della Celenit, azienda padovana produttrice di pannelli isolanti. Celenit aderisce a Fondimpresa, associazione senza scopo di lucro costituita da Confindustria, Cgil, Cisl e Uil, che promuove la formazione professionale continua. “Le nuove scelte tecnologiche nei nostri impianti produttivi si sposano con la scelta di efficientamento ambientale della nostra produzione – afferma Giulia Svegliado, presidente e Ad Celenit Spa -. Chiaramente impianti all’avanguardia permettono di risparmiare in termini di materie prime e utilizzo di energia. I nostri collaboratori sono stati accompagnati da un grosso sforzo aziendale di formazione nell’apprendere l’utilizzo dei nuovi impianti produttivi. In particolare, abbiamo inserito un nuovo mescolatore che ci ha permesso di ridurre la quantità degli scarti di produzione, quindi anche con un approccio sostenibile in quanto produciamo meno scarti, e miglioramento della qualità; poi questo processo formativo, ha toccato un pò tutti gli aspetti aziendali: dalla gestione dei rifiuti alla gestione opportuna degli impianti industriali, quindi con un consumo energetico controllato”. Celenit ha fatto del rispetto dell’ambiente la propria mission. Il corso è stato realizzato in collaborazione con l’Università di Padova. “Lo staff tecnico e marketing di Celenit ha affrontato questo percorso di formazione con la volontà di ampliare i propri orizzonti e approfondire la tematica della sostenibilità dal punto di vista della valutazione dell’intero ciclo di vita del prodotto – sottolinea Alessia Mora, responsabile dell’ufficio tecnico -. Tema molto caro ai progettisti con i quali dialoghiamo e che, grazie all’intervento e alla collaborazione con l’Università di Padova, ci ha consentito di lavorare sul tema del recupero, riuso di scarti e fine vita del prodotto per poter avere una nuova tematica da inserire all’interno della policy aziendale e della carta dei valori, documenti utilissimi per ottenere il rating EcoVadis gold che abbiamo ottenuto recentemente grazie all’attenzione dell’azienda per la responsabilità sociale e di impresa”.

– foto Italpress –
(ITALPRESS).